<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=678417352329616&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Di Simone Venezia 18-set-2019 13.00.00

10 benefici del monitoraggio remoto per la tua infrastruttura IT

Il data center rappresenta il cuore della moderna Digital Enterprise e deve essere perfettamente allineato alle esigenze aziendali in termini di efficienza, prestazioni, flessibilità. Cloud, mobility e big data stanno mettendo sotto pressione i sistemi informativi, generando una complessità difficile da gestire: le risorse di calcolo, storage e rete devono offrire elevata potenza senza interruzioni, quindi vanno tenute costantemente sotto controllo per limitare guasti e malfunzionamenti.

Leggi la guida completa alla scelta del Managed Service Provider

Il monitoraggio remoto delle infrastrutture IT può rappresentare una valida alternativa per garantire lo stato di salute degli asset, nonché l’efficacia nell'erogazione delle applicazioni.

Perché affidarsi al monitoraggio remoto in 10 benefici:

Affidarsi ai Managed Services per la gestione del data center, implementando un sistema di telecontrollo, significa ottenere una serie di numerosi vantaggi (dalla maggiore produttività degli utenti aziendali alla riqualificazione del personale IT interno), che possono essere riassunti nei seguenti 10 punti:

1. Efficienza energetica

I data center sono complessi estremamente energivori. Nella fase di progettazione è importante fare ricadere le scelte tecnologiche su soluzioni ad elevata efficienza, che permettono di ridurre i consumi a parità di prestazioni. Tuttavia, mantenere lo stato di salute degli asset IT è fondamentale per evitare gli sprechi: la possibilità di un monitoraggio costante e in tempo reale, gestito da personale esperto, è la prima regola per rilevare eventuali inefficienze e preservare l’alto rendimento dell’infrastruttura.

2. Business Continuity

Il business digitale richiede una disponibilità 24x7, con un’accessibilità anytime-anywhere. Ogni interruzione di servizio può penalizzare fortemente il profitto economico: non solo infatti gli utenti aziendali vengono bloccati nelle loro operatività (con spreco di tempo e aumento dei costi per inattività), ma si possono perdere anche preziose opportunità di business (ad esempio, l’indisponibilità dei sistemi impedisce al cliente di portare a termine una transazione online oppure inficia la brand reputation). Il monitoraggio remoto dell’infrastruttura It permette di individuare potenziali guasti o eventi critici (ad esempio, un attacco alla cybersecurity) e intervenire tempestivamente, prima che si trasformino in pericolosi downtime.

3. Maggiore produttività

Dall'hardware alle porte virtuali, dai servizi cloud alle applicazioni, passando per dispositivi IoT e dispositivi mobili: un’infrastruttura IT completamente sotto controllo e in salute garantisce le performance e la continuità operativa necessarie per fornire le applicazioni agli utenti di business con tempestività e livelli di servizio adeguati. Una delivery applicativa senza interruzioni rappresenta oggi la conditio sine qua non per aumentare la produttività individuale e collettiva, riducendo i costi e aumentando i profitti.

4. Valorizzazione del team IT

La possibilità di esternalizzare le attività di monitoraggio e gestione delle infrastrutture IT permette di liberare il personale tecnico aziendale dalle mansioni più ripetitive e dispendiose in termini di tempo, affidandole al team specializzato del fornitore. Il beneficio principale è la riqualificazione delle risorse interne, con una maggiore focalizzazione sulle attività critiche e ad alto impatto (ad esempio, l’innovazione tecnologica e applicativa di concerto con il business).

5. Competenze specializzate

Affidare la responsabilità del monitoraggio remoto e dell’assistenza sistemica a un fornitore specializzato, significa innanzitutto avere a disposizione figure formate su tematiche verticali da dedicare alle operazioni aziendali non-core (la supervisione, gestione e manutenzione delle infrastrutture It appunto).

6. Allineamento IT e Business

Una delle difficoltà principali nella gestione delle infrastrutture IT è la capacità di analizzare il livello di servizio garantito in relazione alle aspettative e alle esigenze degli utenti di business. Se spesso il data center risulta perfettamente funzionante e senza colli di bottiglia, le performance possono allontanarsi dai desiderata dei dipendenti aziendali. Il monitoraggio remoto permette di tenere costantemente sotto controllo i Key Performance Indicators (KPI) con maggiore granularità e accuratezza, offrendo una vista completa e di dettaglio sullo stato di esercizio degli asset IT. Diventa quindi possibile intervenire per garantire un bilanciamento tra prestazioni effettivamente fornite e qualità del servizio attesa.

7. Livelli di servizio garantiti

Appoggiarsi a un fornitore esterno per la gestione del data center significa avere sottoscritto dei Service Levels Agreements che stabiliscono le performance minime dell’infrastruttura a supporto delle divisioni aziendali e delle applicazioni. I contratti prevedono anche le tempistiche entro cui il fornitore deve prendere in carico e rispondere agli allarmi provenienti dai sistemi di monitoraggio da remoto, assicurando quindi prestazioni sempre in linea con quanto pattuito e misurabili attraverso KPI predefiniti.

8. Budget sotto controllo

Il monitoraggio remoto, all’interno di una più completa offerta di Managed Services, garantisce sia un’assistenza puntuale nelle routine operations sia una maggiore efficacia degli interventi straordinari. Il tutto all’interno di formule contrattuali che prevedono il pagamento di un canone periodico, facilitando la definizione dei budget e dei forecast finanziari.

9. Efficacia a costo ridotto

Delegare il monitoraggio e la gestione delle infrastrutture IT a terze parti significa godere della potenza di fuoco e delle economie di scala del fornitore, che può erogare servizi specifici e competenze ad hoc all'interno di canoni predefiniti, con costi inferiori rispetto alle possibilità dell’azienda cliente. Inoltre, tra le voci di risparmio, bisogna aggiungere la scontistica che l’MSP può offrire in relazione alla durata e al numero dei servizi richiesti.

10. La certezza del metodo

Un ulteriore punto a favore del monitoraggio e della gestione in remoto per le infrastrutture It, è la garanzia di processi snelli e ottimizzati, ma soprattutto basati su standard e procedure codificate. Per assicurare l’efficacia nell’erogazione dei servizi, gli MSP solitamente adottano framework metodologici come ITIL, che permettono di risolvere rapidamente le emergenze, ma anche di assolvere gli interventi ordinari con maggiore efficienza.

Se stai pensando di affidare i tuoi servizi IT ad un MSP che li gestisca con un approccio proattivo, ti invitiamo a scaricare la Guida completa alla scelta del Managed Services Provider in cui troverai utili consigli e criteri efficaci per scegliere il partner giusto per la tua azienda. Ti basta un clic qui sotto!

Guida completa alla scelta del Managed Services Provider