<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=678417352329616&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Di Simone Venezia 22-lug-2019 12.45.00

I vantaggi dell'outsourcing dell'assistenza Sistemistica nei Managed Services

Gli addetti all’assistenza sistemistica hanno il compito di garantire lo stato di salute e la piena efficienza delle risorse hardware e software all’interno dell’infrastruttura IT aziendale. L’obiettivo è assicurare le massime performance dei sistemi al fine di supportare correttamente l’erogazione dei servizi applicativi secondo le esigenze di business. La gestione, l’aggiornamento e la manutenzione del Data Center sono quindi fondamentali per assicurare prestazioni adeguate e continuità operativa, ma richiedono un grande dispiego di risorse e ore di lavoro.

Leggi il report gratuito sui vantaggi dei Managed Services!

 

Il ricorso ai Managed Services per l’assistenza sistemistica può dispensare il team informativo aziendale dalle operazioni routinarie e non-core di gestione degli asset IT, permettendo una maggiore focalizzazione sulle attività a maggiore valore per il business (ad esempio, l’innovazione applicativa e la creazione di nuovi servizi digitali). Inoltre, grazie a un monitoraggio remoto continuo ed efficace sugli asset IT, garantisce la tempestività degli interventi a fronte di emergenze o in previsione di criticità che possono inficiare la Business Continuity.

Cosa sono i Managed Services?

Ma in cosa consistono esattamente i Managed Services? Sintetizzando, si tratta di affidare a un provider specializzato il monitoraggio e l’assistenza sistemistica delle infrastrutture IT, all’interno di un contratto a canone periodico basato su SLA (Service Level Agreements) e KPI (Key Performance Indicators) che permettono di verificare costantemente l’adempimento dei termini contrattuali, in relazione sia all'efficacia funzionale degli interventi di supporto sia ai livelli prestazionali delle infrastrutture.

Grazie ai servizi gestiti, l’azienda dispone di un team qualificato per le attività di manutenzione ordinaria e la risoluzione di eventi critici, come i guasti improvvisi o gli attacchi alla cybersecurity. La tempestività degli interventi è un fattore decisivo per garantire la continuità operativa, limitando il rischio di fermi non programmati a tutto vantaggio della produttività aziendale. Il prolungarsi di eventuali downtime infatti può avere ripercussioni gravi sui profitti aziendali anche nel lungo periodo: non soltanto perché vengono perse le opportunità di business contingenti (ad esempio, un cliente che non riesce ad effettuare una transazione online per indisponibilità dei sistemi potrebbe passare alla concorrenza), ma anche perché le interruzioni di servizio causano una perdita di brand reputation con conseguente calo della fidelizzazione.

I vantaggi dell'approccio pro-attivo e assistenza sistemica 24/7

Il Managed Services Provider invece risponde alle emergenze con un approccio proattivo: l’intera infrastruttura viene tenuta costantemente sotto stretta osservazione attraverso il monitoraggio remoto al fine di rilevare preventivamente eventuali minacce o malfunzionamenti, fornendo con puntualità ed efficacia l’assistenza sistemica necessaria per scongiurare il pericolo di interruzioni involontarie.

L’azienda cliente può infatti contare su help desk di primo e secondo livello forniti dal Managed Services Provider: non solo quindi avrà a disposizione un Single Point of Contact (SPoC) per una prima assistenza, ma potrà accedere anche a un servizio di supporto specialistico per le richieste più tecniche e di difficile soluzione.

Insomma, grazie ai servizi gestiti che garantiscono un’assistenza sistemica 24/7 per l’intera durata del periodo contrattuale, le aziende hanno accesso alle migliori competenze It necessarie in un determinato momento su problematiche specifiche, con la possibilità di interventi in locale (non soltanto da remoto) e la disponibilità di una squadra di proximity per l’esecuzione delle routine operation in sede.

Come evitare il rischio di downtime grazie all'approccio proattivo 

Insomma, sfruttando le economie di scala e la potenza di fuoco dei Managed Services Provider, il cliente si assicura la tempestività dell’assistenza sistematica, godendo di consulenza e interventi ad hoc con personale altamente qualificato su domini verticali. Come già sottolineato, il tempo è d’oro soprattutto in situazioni di emergenza.

Prevenire il rischio di downtime è infatti la conditio sine qua non di un business in salute, che può essere garantita con maggiore facilità e sicurezza affidandosi agli specialisti del settore. In virtù dell’offerta verticalizzata e dell’ampio raggio di azione, gli MSP infatti possono dispiegare risorse e competenze informatiche con un alto livello di proattività e a costi ridotti. I servizi gestiti vengono erogati all’interno di formule contrattuali basate su canoni periodici, che permettono di definire con maggiore precisione i budget e i forecast finanziari.

Per capire come l’esternalizzazione dell’assistenza sistemica può contribuire all’efficienza delle infrastrutture It e alla continuità operativa riducendo il rischio di downtime, scarica l’eBook gratuito sui vantaggi dell'affidarsi ai Managed Services, cliccando sul pulsante qui sotto!

New call-to-action